RUBRICHE

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Modello 730/2017

Con il Provv. Agenzia Entrate 16.1.2017, prot. 10043, sono stati approvati in versione definitiva i Modd. 730, 730-1 e730-2 destinati al sostituto d’imposta, il Mod. 730-2 per il Caf e per il professionista abilitato, oltre ai Modd. 730-3, 730-4 e 730-4 integrativo, con le relative istruzioni e alla bolla per la consegna del Mod. 730-1. Tutti questi prospetti contengono la dichiarazione semplificata agli effetti dell’ Irpef , che sono tenuti a presentare nell’anno 2017 i soggetti che ricorrono all’ assistenza fiscale . Successivamente, con Provv. Agenzia Entrate 9.2.2017, prot. 29869, sono state modificate le schede per la scelta della destinazione dell’ 8 per mille , del 5 per mille e del 2 per mille dell’Irpef relative anche ai Modd. 730-1/2017. Sono poi state definite le regole tecniche di trasmissione telematica del Mod. 730/2017 all’Amministrazione finanziaria, direttamente o tramite gli intermediari autorizzati, secondo nuovi percorsi informatici . Anche quest’anno viene confermata la possibilità di presentare il Mod. 730 con modalità precompilata , a scelta del contribuente, in alternativa alla modalità ordinaria . Il 730/2017 precompilato si presenta entro il 23.7.2017 (in caso di presentazione diretta all’Agenzia delle entrate) o entro il 7.7.2017 (nel caso di presentazione al sostituto d’imposta oppure al Caf o al professionista ), mentre il 730/2017 Ordinario va presentato entro l’unico termine del 7.7.2017 . Tra le novità presenti nel 730/2017, si segnalano gli incentivi previsti per il trasferimento in Italia di lavoratori dall’estero ex art. 16, D.Lgs 14.9.2015, n. 147 [CFF6272e] e, ai sensi della L. 22.6.2016, n. 112, l’innalzamento a € 750 dei premi assicurativi con rischio morte detraibili al 19% ai fini Irpef per favorire il benessere e la piena inclusione sociale e l’autonomia delle persone affette da disabilità grave.

Dichiarazione di successione

Il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 27.12.2016 ha introdotto, a partire dal 23.1.2017 , la nuova dichiarazione di successione e domanda di volture catastali on line che rottama di fatto il vecchio modello cartaceo (che rimarrà comunque utilizzabile sino al 31.12.2017 ). Con la nuova dichiarazione sarà possibile espletare automaticamente le volture catastali e rendere le dichiarazioni di atto notorio in seno alla stessa dichiarazione mediante la compilazione di appositi quadri.  Oltremodo il software di compilazione, rilasciato dall’Agenzia delle Entrate, permetterà di calcolare automaticamente le imposte dovute e procedere al relativo pagamento addebitando le stesse direttamente in conto corrente. Grazie al nuovo formato elettronico , la dichiarazione di successione , una volta presentata e dopo che la stessa avrà superato tutti i controlli da parte dell’Ufficio competente, sarà disponibile nel Cassetto fiscale del dichiarante e degli eventuali coeredi o chiamati all’ eredità .

COMMENTI

Credito d'imposta per ricerca & sviluppo

La Legge di bilancio 2017 modifica le regole del credito d'imposta per attività di ricerca e sviluppo delle imprese , introdotto dall'art. 3, D.L. 145/2013 [CFF8469] (Piano Destinazione Italia). Le modifiche rendono maggiormente appetibili e semplificano le regole di fruibilità ma nell'attesa dell'aggiornamento del decreto attuativo , alcuni aspetti restano ancora da chiarire.

Tassa annuale sui libri sociali

Entro il prossimo 16 marzo le società di capitali , in base a quanto disposto dall’a rt. 23, nota 3, Tariffa, D.P.R. 26.10.1972, n. 641 ( Disciplina delle tasse sulle concessioni governative ) [CFF3663] , sono tenute al versamento della tassa annuale sulle concessioni governative per la numerazione e bollatura dei libri e registri sociali . L’importo, dovuto in misura proporzionale all’ammontare del capitale sociale esistente all’1.1.2017, dev’essere versato, per le società già esistenti a tale data, utilizzando il Modello F24 , esclusivamente in modalità telematica, mentre per quelle che si costituiscono dopo l’1.1.2017, utilizzando il bollettino di c/c postale n. 6007 ( n. 210906 per la Sicilia), intestato ad Agenzia delle Entrate – Centro operativo di Pescara – Bollatura numerazione libri sociali. In caso di mancato versamento si applica la sanzione amministrativa dal 100% al 200% della stessa tassa, con un minimo di € 103. È comunque possibile regolarizzare tale violazione avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso . 

Gestione separata Inps

L’ art. 2, co. 26, L. 8.8.1995, n. 335 [CFF5579] prevede che siano obbligati ad iscriversi alla Gestione separata presso l’ Inps i soggetti che esercitano per professione abituale (anche se non esclusiva), attività di lavoro autonomo , i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e gli incaricati alla vendita a domicilio . Non sono tenuti all’ iscrizione gli assegnatari di borse di studio , limitatamente alla relativa attività. Il D.M. 2.5.1996, n. 281 [CFF5605] prevede modalità e termini per versare il contributo dovuto alla Gestione separata Inps da parte dei collaboratori coordinati e continuativi e dei venditori a domicilio, mentre i lavoratori autonomi privi di una Cassa di previdenza di categoria effettuano il versamento in base a quanto previsto dall’art. 1, co. da 212 e 214, L. 662/1996 [CFF5619] . Deve iscriversi alla Gestione separata Inps anche chi esercita l’attività di lavoro autonomo occasionale nel caso in cui il reddito annuo derivante da tale attività superi l’importo di € 5.000 ; dal 2005 sono confluiti nella Gestione separata Inps gli associati in partecipazione . Per i soggetti iscritti in via esclusiva alla Gestione separata Inps l’aliquota contributiva e di computo è elevata al 32% per l’anno 2017 , con l’ulteriore aliquota contributiva dello 0,72% . Per i titolari di partita Iva non iscritti presso altre forme previdenziali obbligatorie e non pensionati l’aliquota è pari al 25,72% . Invece per i soggetti già pensionati o assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie l’aliquota per il 2017 resta fissata al 24% . Le aliquote , il massimale e il minimale contributivi applicabili per il 2017 sono stati indicati dall’Inps nella Circ. 31.1.2017, n. 21 .

Artigianato digitale

Il Ministero dello Sviluppo economico con Decreto direttoriale 16.12.2016 ha fissato i termini e le modalità di presentazione delle domande per l’ accesso alle agevolazioni a valere sul bando dedicato ad aggregazioni di imprese operanti o che vogliono operare nel campo della manifattura sostenibile e dell’ artigianato digitale , di cui al D.M. 21.6.2016 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 16.8.2016, n. 190). Le imprese interessate potranno finalmente predisporre il progetto e presentare le domande dall’ 1 al 30.3.2017. Le istanze dovranno essere presentate da reti di imprese ovvero consorzi costituiti da almeno 5 imprese e che vedano al loro interno la presenza di imprese artigiane ovvero microimprese in misura almeno pari al 50% dei partecipanti . Potranno essere proposti programmi di investimento localizzati sull’intero territorio nazionale .

Polizze vita estere

Le compagnie di assicurazioni estere , che svolgono l’attività in Italia in regime di libera prestazione di servizi ( Lps ), possono optare sia per svolgere il ruolo di sostituto d’imposta , ai fini dell’ imposta sostitutiva sui redditi inclusi nei riscatti / rimborsi delle polizze vita emesse, sia per il pagamento dell’ imposta di bollo in modo virtuale sulle comunicazioni afferenti dette polizze. Si ritiene che dette opzioni non siano sufficienti ad esonerare i contraenti , residenti in Italia, dall’obbligo di dichiarazione nel Quadro RW delle polizze emesse da tali compagnie; al contrario, queste opzioni costituiscono il presupposto per l’esonero dagli obblighi di dichiarazione dei redditi suddetti e di liquidazione dell’ Ivafe , connessi alle polizze in esame.

Tassi usurari

Nell’ambito del contenzioso bancario un tema tradizionalmente di particolare rilevanza è rappresentato dalle corrette modalità di verifica del rispetto dei tassi soglia , in funzione di quanto previsto dagli artt. 2 e 3, L. 108/1996, recante specificamente « Disposizioni in materia di usura », soprattutto in relazione alla problematica della considerazione (o meno) della Commissione di massimo scoperto (C.M.S.) tra le componenti di onerosità . 

loader