RUBRICHE

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Dichiarazioni integrative

Il D.L. 22.10.2016, n. 193, conv. con modif. dalla L. 1.12.2016, n. 225 ha innovato la disciplina delle rettifiche delle dichiarazioni fiscali che i contribuenti presentano ai fini delle imposte sui redditi , dell’ Irap , dell’ Iva e dei sostituti d’imposta . La novità principale è rappresentata dall’ unificazione dei termini entro i quali i contribuenti possono rettificare le dichiarazioni fiscali: a prescindere se esse sono a proprio favore o sfavore, sono presentate entro il termine previsto per l’ accertamento dei dati ivi contenuti. Sono altresì stabilite le modalità di utilizzo dei crediti d’imposta emergenti dalle dichiarazioni integrative a favore, nonché i termini entro cui l’Ufficio può procedere all’ accertamento . Sul tema la Circolare Assonime 20.3.2017, n. 3 ripercorre l’evoluzione normativa e le interpretazioni giurisprudenziali per spiegare i motivi che hanno spinto il Legislatore ad intervenire con il recente provvedimento normativo.

Acquisto dell'abitazione

L’ acquisto di una casa continua a rivestire maggiore interesse, oltre che per questioni abitative , particolarmente per eventuali forme di investimento , considerato, al momento, lo scarso appeal dato dalle attuali forme di risparmio che tendono sostanzialmente a salvaguardare la quota capitale depositata presso istituti finanziari, quindi, senza alcuna utilità finanziaria (zero interessi) e considerato che l’inflazione è ripresa nel nostro Paese (es. ad aprile, il tasso rilevato dall’Istat è stato circa 1,8%), l’unica alternativa valida rimane quella del mattone . Proprio a tal fine, l’Agenzia delle Entrate il 19.4.2017 ha dedicato ai contribuenti (e non solo) una sorta di vademecum che costituisce una valida guida fiscale all’ acquisto della casa . Al contempo, è poi seguita la R.M. 27.4.2017, n. 53/E che si è soffermata sulle agevolazioni sulla prima casa e, quindi, sui requisiti per potere accedere al bonus fiscale .

COMMENTI

Premi di produttività: sgravi contributivi

Nuovi sgravi contributivi sono stati introdotti dal D.L. 24.4.2017, n. 50 (cd. Manovra correttiva 2017) con riferimento alle retribuzioni corrisposte ai dipendenti ai quali si applicano le misure relative alla detassazione dei premi di rendimento ( art. 1, co. 182-189, L. 28.12.2015, n. 208 [CFF6277] , così come modificato dall’art. 1, co. 160, L. 11.12.2016, n. 232). In particolare, si prevede che per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori dipendenti nell’ organizzazione del lavoro l’ aliquota contributiva a carico del datore di lavoro sia ridotta di 20 punti percentuali .

loader