RUBRICHE

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Modello Irap 2018

Con il Provv. Agenzia Entrate 30.1.2018, prot. n. 24865, è stato approvato il Mod. Irap 2018 e le relative istruzioni . Il presupposto per l’ assoggettamento all’ Irap è l’ esercizio abituale di attività autonomamente organizzate, dirette alla produzione o allo scambio di beni , ovvero allo svolgimento di prestazioni di servizi . Per le società e gli enti, compresi gli organi e le Amministrazioni dello Stato, l’ attività esercitata costituisce sempre presupposto per l’applicazione dell’Irap. L'imposta è determinata su base regionale e quando l'attività è svolta in più Regioni, la ripartizione avviene proporzionalmente all' ammontare delle retribuzioni relative al personale , destinato ai siti dell’impresa in attività nel territorio di ciascuna Regione per un periodo non inferiore a 3 mesi . I quadri, che compongono il Mod. Irap 2018, sono: frontespizio , IQ , IP , IC , IE , IK , IE , IR ed IS . La scadenza di presentazione del modello, da effettuarsi esclusivamente in via telematica , è stata fissata:

Modello Redditi 2018 PF - Quadro RP

In alcuni casi la normativa fiscale concede, in sede di dichiarazione dei redditi, riduzioni dell’ Irpef ai contribuenti che hanno sostenuto particolari tipologie di spese di carattere personale e familiare. Si tratta sostanzialmente degli: Per essere considerate nella dichiarazione dei redditi, le spese devono essere state effettivamente sostenute nel corso dell’anno per il quale la dichiarazione stessa viene presentata, anche se le relative prestazioni sono eseguite in anni precedenti ( principio di cassa ). Gli oneri e le spese devono essere state sostenuti dal contribuente , nel proprio interesse o, in taluni casi, nell’ interesse delle persone fiscalmente a carico . L' art. 15, D.P.R. 917/1986 disciplina gli oneri detraibili , mentre l' art. 10 dello stesso D.P.R. fornisce un’elencazione degli oneri integralmente deducibili dal reddito complessivo lordo.

Modello 730/2018 precompilato

Con il Provv. Agenzia delle Entrate 9.4.2018, prot. n. 76047, sono state disciplinate le regole e le modalità operative e le tecniche di accesso , in via diretta da parte del contribuente oppure a cura dei soggetti debitamente autorizzati, alla dichiarazione  Mod. 730/2018 in versione precompilata e all’elenco dei documenti di cui sono destinatari i contribuenti percettori per il 2017 di redditi di lavoro dipendente e assimilati , ad esclusione delle indennità percepite dai membri del Parlamento europeo (artt. 49 e 50, co. 1, lett. a), c), c-bis), d), g), i) e l), D.P.R. 917/1986), nonché i contribuenti in possesso dei requisiti, ex art. 13, co. 4, Decreto Mef 31.5.1999, n. 164. Nell’Allegato 1 al provvedimento citato, sono dettagliate tutte le informazioni elaborate alla data del 15.3.2018 e rese disponibili presso l’Amministrazione finanziaria, distinguendo tra dati inseriti e dati non inseriti nel modello precompilato. Il Caf, il professionista abilitato e il sostituto d’imposta, qualora prestino  assistenza fiscale  al contribuente, sono tenuti ad acquisire, in formato cartaceo oppure elettronico, le  deleghe  per l’accesso al Mod. 730 precompilato , oltre a una copia di un documento di identità del delegante.

COMMENTI

Imprese minori

La Corte di Cassazione, con le recenti Sentenze 9.3.2018, nn. 5778 e 5780, conferma, in linea di continuità con i precedenti arresti giurisprudenziali, l’obbligo di annotazione delle giacenze di magazzino per categorie omogenee per le imprese minori in regime contabile semplificato . La sola indicazione del valore globale del magazzino è, dunque, sanzionabile per violazioni degli obblighi relativi alla contabilità : ci si chiede se, all’indomani dell’introduzione del criterio di cassa , tale annotazione sia ancora dovuta.

Credito d'imposta Irap

La Legge di Stabilità 2015 – L. 190/2014 – ha stabilito, a far data dall’anno 2015 , la possibilità, per i soggetti passivi Irap che non impiegano lavoratori dipendenti, di usufruire di un credito d’imposta Irap , da utilizzare esclusivamente in compensazione entro il limite annuo di € 700.000 , pari al 10% dell’imposta lorda a decorrere dall’anno di presentazione della corrispondente dichiarazione Irap (dal 2018, in relazione al credito sorto per il 2017) - da indicare nel quadro IS del Modello Irap . L’ agevolazione è mossa dalla volontà del Legislatore di garantire una parità di trattamento tra soggetti senza dipendenti e soggetti che possono sfruttare la deduzione integrale del costo dei lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato .

Iper ammortamento

In relazione all’agevolazione concernente l’ iper ammortamento , con la pubblicazione della R.M. 9.4.2018 , n. 27/E l'Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alle conseguenze dell'acquisizione della perizia nel periodo d'imposta successivo a quello di interconnessione . In particolare, il deposito tardivo della documentazione (perizia tecnica ovvero dichiarazione del legale rappresentante) attestante il possesso delle caratteristiche tecniche di cui all’Allegato A (beni materiali) o B (beni immateriali), nonché l’ interconnessione al sistema aziendale, comporta un mero slittamento del momento dal quale il contribuente può beneficiare dell’iper ammortamento.

L'accesso in azienda stoppa il Fisco

Il co. 7, dell’art. 12 dello Statuto del contribuente – L. 212/2000 – nel rispetto del principio di cooperazione tra Amministrazione finanziaria e contribuente , consente al contribuente , al termine delle operazioni di verifica , dopo la consegna del p.v.c. , di comunicare, entro 60 giorni , osservazioni e richieste che sono rimesse alla valutazione degli Uffici impositori. L' avviso di accertamento non può essere emanato prima della scadenza del predetto termine, salvo casi di particolare e motivata urgenza . In questo nostro intervento verifichiamo se detta garanzia possa trovare applicazione anche nell’ipotesi di accessi finalizzati alla mera acquisizione di documenti ovvero di accessi brevi , alla luce degli interventi della Corte di Cassazione.

loader