RUBRICHE

DIGITALIZZAZIONE DELLA PROFESSIONE

Processo tributario telematico

Con il D.L. 23.10.2018, n. 119, conv. con modif. dalla L. 17.12.2018, n. 136 ( art. 16 ) parte ufficialmente e obbligatoriamente il cd. processo tributario telematico : dal 1° luglio 2019 si potranno utilizzare esclusivamente modalità telematiche per effettuare le notifiche di atti processuali e il deposito di ricorsi e per le altre attività di trasmissione delle informazioni e dei documenti connessi al processo tributario. Nel presente intervento ci si propone di sintetizzare le principali regole e indicazioni tecniche sottese a tale novità, che i professionisti si troveranno a breve a dover gestire al meglio.

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Modello Redditi SP 2019

Con il Provv. Agenzia Entrate 30.1.2019, prot. n. 23591 , sono stati approvati il Modello Redditi SP 2019 e le relative istruzioni, che le società semplici , in nome collettivo , in accomandita semplice ed equiparate devono presentare nell’anno 2019, con riferimento al periodo di imposta in corso al 31.12.2018 , ai fini delle imposte sui redditi. Le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti nel Modello Redditi SP 2019 sono inserite nel Provv. Agenzia Entrate 14.2.2019, prot. n. 37472 . Coincide con il 30.9.2019 il termine della presentazione che va effettuata esclusivamente con il canale telematico. Il Modello Redditi SP 2019 deve essere utilizzato per dichiarare i redditi prodotti nell’anno al fine di stabilire la quota di reddito (o perdita ) imputabile a ciascun socio o associato agli effetti delle imposte personali dovute dai singoli soci o associati. I Quadri dichiarativi interessati dalle novità di maggior spicco sono il frontespizio e i Quadri RF, RG, RE, RN, RP, RQ, RS e FC. Le istruzioni generali comuni ai modelli delle società e degli enti (Modelli Redditi SP, SC ed ENC) sono accorpate in un unico fascicolo a se stante rispetto alle istruzioni specifiche del singolo modello dichiarativo.

Consenso privacy

Nell’ambito del General Data Protection Regulation (GDPR) il consenso costituisce uno dei presupposti di legittimità per il trattamento dei dati personali delle persone fisiche , rientrando tra le cd. « basi giuridiche » che rendono l’attività lecita. In particolare, il titolare del trattamento al fine di ottenere un valido consenso da parte dell’interessato deve garantire che tale manifestazione di volontà ad acconsentire al trattamento dei propri dati personali sia libera , specifica , informata , inequivocabile , esplicita (in tre ipotesi), dimostrabile e revocabile . L’elemento della manifestazione di volontà « libera » richiede che l’interessato compia una scelta effettiva ed abbia il controllo reale sui propri dati , e va intesa nel doppio senso di consapevolezza degli elementi sui quali il consenso si esercita, nonché di mancanza di condizionamenti o vincoli. In relazione a quest’ultimo aspetto, assumono particolare rilevanza i «concetti chiave» di squilibrio di potere , condizionalità , granularità e pregiudizio .

COMMENTI

Convenzione Multilaterale BEPS

Per risolvere le problematiche connesse alla doppia imposizione internazionale , gli operatori sono sempre stati abituati ad analizzare in prima battuta la normativa domestica , per valutare, in un secondo momento, se le disposizioni dei Trattati contro le doppie imposizioni contengono una previsione di maggior favore. La convenzione, derivando da accordo tra due Stati, supera la normativa interna, tuttavia l’art. 169, D.P.R. 22.12.1986, n. 917 consente di applicare la normativa interna se più favorevole al contribuente. Il Modello di Convenzione OCSE costituisce una bozza a cui gli Stati possono ispirarsi in occasione della stipula di un nuovo trattato o di una modifica di un trattato esistente. La Convenzione Multilaterale BEPS del 7.6.2017 modifica, nel rispetto di determinate condizioni, i trattati dell’Italia senza che sia necessaria una rinegoziazione degli stessi con i Paesi interessanti.

Bonus verde

Il Bonus verde è una delle detrazioni fiscali introdotte con la Legge di Bilancio 2018 – art. 1, co. 12, L. 205/2017 – in materia di detrazioni Irpef ed ora prorogata per tutto il 2019 , grazie alla Legge di Bilancio 2019 (L. 145/2018). Il bonus consente una detrazione Irpef del 36% per le spese sostenute per la sistemazione a verde delle unità immobiliari private di qualsiasi genere tra cui terrazzi, giardini, balconi, anche condominiali, anche se attraverso impianti di irrigazione e lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico.

Sport bonus

La Legge di Bilancio 2019 ha riconfermato lo Sport bonus  ( art. 1, co. 621 e segg., L. 145/2018 ). Ecco le regole che trovano applicazione per il nuovo anno. Per le erogazioni liberali in denaro effettuate da privati nel corso dell’ anno 2019  per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblic i e per la realizzazione di nuove strutture , è previsto un  credito d’imposta pari al 65%  delle erogazioni effettuate, anche nel caso in cui le stesse siano destinate a soggetti concessionari o affidatari degli impianti medesimi. I soggetti che le effettuano non possono cumulare il credito d’imposta con altre agevolazioni, relativamente alle stesse somme. Con un apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, adottato di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, sono individuate le disposizioni di attuazione di tale agevolazione.

loader