RUBRICHE

DIGITALIZZAZIONE DELLA PROFESSIONE

IVA

Esterometro: chiarimenti e compilazione della comunicazione

Nuovi chiarimenti in merito al cd. esterometro giungono dalla Risposta Interpello n. 85 del  27.3.2019 , nella quale l’Agenzia delle Entrate specifica che l’obbligo comunicativo sussiste a prescindere dalla natura della controparte e, pertanto, anche nei confronti di privati. Considerato il termine ormai prossimo per la presentazione della comunicazione in oggetto, si propone anche una sintesi degli aspetti pratici sottesi alla relativa compilazione.

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Credito Iva trimestrale

I soggetti Iva interessati per i quali sussistano specifici requisiti possono recuperare il credito Iva trimestrale (o infrannuale) per ciascuno dei primi tre trimestri dell’anno alternativamente presentando la richiesta di rimborso con il Modello Iva TR del credito Iva trimestrale o utilizzando in compensazione orizzontale il credito trimestrale nel Modello F24. Il Modello Iva TR da utilizzare è quello approvato , con le relative istruzioni, con il Provvedimento Agenzia Entrate 19.3.2019 . Il D.L. 193/2016, conv. con modif. dalla L. 225/2016 («Collegato alla Legge di Bilancio 2017»), in vigore dal 3.12.2016, ha modificato l’art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 elevando da € 15.000 a € 30.000 il valore dei rimborsi Iva subordinati a prestazione di apposita garanzia da parte del beneficiario. Altre modifiche riguardo alla compensazione di crediti per importi oltre € 5.000 annui sono state apportate dal D.L. 50/2017, conv. con modif. dalla L. 96/2017.

Consenso privacy per l'invio di newsletter

L’ invio di newsletter da parte di società e studi professionali rappresenta una prassi comunicativa e di marketing negli ultimi anni sempre più diffusa. Tale attività implica necessariamente una raccolta di account ed indirizzi e-mail e, di conseguenza, il trattamento di dati personali degli utenti/interessati, i quali seppur qualificandosi come «dati comuni» sono soggetti alle garanzie e alle tutele previste dalla normativa in tema di protezione dei dati personali. Sul tema si è espressa la Cassazione con la sentenza n. 17278/2018 , con la quale è stata sanzionata una società che, per l’invio di newsletter, acquisiva dall’interessato un consenso privacy in violazione dei requisiti previsti dalla normativa, in quanto comportava illegittimamente anche l’invio di messaggi pubblicitari da parte di società terze.

COMMENTI

Controllo societario

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili (Cndcec) ha pubblicato il 13 marzo 2019 la versione aggiornata de « La relazione unitaria di controllo societario del collegio sindacale incaricato della revisione legale dei conti » 1 . Il documento Cndcec giunge così alla sua quarta edizione e fornisce la versione aggiornata rispetto alla precedente versione pubblicata nel marzo 2018 per tenere conto, con riferimento al bilancio di esercizio per il 2018: - di alcune modifiche medio tempore intervenute nella disciplina del bilancio di esercizio; - del documento « Approccio metodologico alla revisione legale affidata al collegio sindacale nelle imprese di minori dimensioni » pubblicato nell’aprile 2018.

Consulenza per acquisizioni di partecipazioni

È detraibile l’ Iva sulla consulenza resa nell’ambito di un’ acquisizione societaria , giacché i costi che sono stati sostenuti presentano un nesso immediato e diretto con il complesso dell’attività economica e, pertanto, fanno parte delle spese generali di quest'ultima. Appare irrilevante , a tal fine, la circostanza che l’acquisizione societaria, mediante Opa , sia effettivamente compiuta (nella fattispecie, il rispetto delle norme in tema di concorrenza aveva impedito il completo acquisto delle quote della società «target») 1 . Questo, in sintesi, quanto pronunciato con la sentenza 17 ottobre 2018, relativa alla causa C-249/17 (caso Ryanair ).

Valutazione di una farmacia

Il comportamento delle farmacie ha subito in questi anni unavera e propria rivoluzione che ha profondamente cambiato le regole per la gestione dei punti vendita – ora più improntata ad una logica di mercato – ma anche l’approccio da utilizzare per la valutazione di queste aziende. Se, infatti, fino a qualche anno fa il valore di una farmacia era dato perlopiù dal valore di una licenza che era slegato dalle marginalità conseguibili dalle singole realtà (quantificato solitamente attraverso il metodo empirico del atturato f), le modifiche normative intervenute nel settore hanno imposto l’adozione di metodi empirici basati sull’ Ebitda. Tali metodi empirici appaiono ancora utilizzabili , pur adottando un parametro aziendale differente, anche dopo l’introduzione dei Principi italiani di valutazione (Piv), seppur affiancati a metodologie tradizionali (tipicamente reddituali), che è comunque preferibile privilegiare alla luce della loro insita maggiore razionalità.

IVA

Esercizio della detrazione Iva

Un soggetto passivo che non sia in grado di fornire la prova dell'importo dell' Iva assolta sugli acquisti per mezzo della produzione di fatture o di qualsivoglia altro documento, compresi i documenti in possesso dei relativi fornitori, non può beneficiare del diritto alla detrazione Iva solamente sulla base di una stima dell'ammontare dell'imposta detraibile risultante da una perizia giudiziaria . Tale documento può eventualmente integrare altre prove ritenute idonee a dimostrare la sussistenza dei requisiti sostanziali per l'esercizio del diritto in argomento, ovvero avvalorarne la credibilità, ma non può sostituirvisi. Su questo argomento si segnala la sentenza della Corte di Giustizia Ue 21.11.2018 , in esito al procedimento n. C-664/16 .

loader