RUBRICHE

DIGITALIZZAZIONE DELLA PROFESSIONE

IVA

Invio dei corrispettivi: dalla premialità all'obbligo

Come è noto, dal 2017 i soggetti che esercitano attività di commercio al minuto e assimilate ex art. 22 del D.P.R. 633/1972 possono optare per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate, a fronte di determinati benefici sul fronte fiscale . Tale regime premiale è destinato a trasformarsi, già dalla metà del 2019 per alcuni soggetti e dal 2020 in via generalizzata in un obbligo , analogamente a ciò che è accaduto in ambito di fatturazione elettronica. Di seguito proponiamo una sintesi dell’evoluzione normativa e delle principali regole sottese a tale adempimento contenute nel D.L. 23.10.2018, n. 119, conv. con modif. dalla L. 17.12.2018, n. 136.

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Rottamazione-ter

La conversione in legge del D.L. 119/2018 (L. 136/2018), che ha riproposto (per la terza volta) la definizione agevolata (cd. « rottamazione ») dei carichi – tributari e contributivi – affidati all’Agenzia delle Entrate-Riscossione, porta con sé una diversa dilazione dei pagamenti (fino a 18 rate). I ruoli affidati nel periodo 1.1.2000-31.12.2017 possono essere estinti evitando di pagare le sanzioni (amministrative) e gli interessi di mora, ma limitandosi a pagare: Le posizioni debitorie possono essere estinte in rate entro 5 anni.

COMMENTI

Spese di ristrutturazione

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida aggiornata dal titolo « Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali », con la quale fornisce gli ultimi chiarimenti introdotti dal Legislatore con la legge di Bilancio 2018. Certamente la novità più rilevante riguarda il fatto che è stato introdotto l’ obbligo di trasmettere all’ Enea le informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici . Questa nuova comunicazione è necessaria per monitorare e valutare il risparmio energetico conseguito con la realizzazione degli interventi di recupero edilizio. Va rilevato che i benefici fiscali per i lavori sul patrimonio immobiliare non si esauriscono con la detrazione Irpef. Vi sono altre importanti agevolazioni, infatti, che sono state introdotte negli anni. Va evidenziato che la Legge di Bilancio 2019, veicolata nella L. 30.12.2018, n. 145, proroga a tutto il 2019 le detrazioni al 65% per riqualificazioni energetiche degli edifici e le detrazioni al 50% per impianti di climatizzazione invernale, per gli interventi di ristrutturazione edilizia , per l’ acquisto di mobili ed elettrodomestici .

loader