RUBRICHE

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Modelli Redditi: ravvedimento del Quadro RW

Il D.L. 30.4.2019, n. 34, conv. con modif. dalla L. 28.6.2019, n. 58 (cd. Decreto «crescita»), ha modificato, a regime, il termine per l’invio della dichiarazione dei redditi che è passato dal 30 settembre di ogni anno al 30 novembre . La nuova scadenza comporta un consequenziale slittamento del temine di invio del Quadro RW relativo al monitoraggio fiscale per le attività e gli investimenti detenuti all’estero da soggetti residenti che risulta inserito nel fascicolo 2 del Modello Redditi PF, del Modello Redditi SP e del Modello Redditi ENC. L’Agenzia delle Entrate sta ponendo, peraltro, sempre maggior attenzione al Quadro relativo al monitoraggio fiscale, anche alla luce delle informazioni che le giungono nell’ambito dello scambio automatico di informazioni internazionali ( CRS ). Il Provv. Agenzia Entrate 12.7.2019, n. 247672 ha disposto, come era già successo con il precedente Provv. Agenzia Entrate 21.12.2017, n. 299737, un secondo invio di comunicazioni volte alla promozione dell’adempimento spontaneo relativo alla compilazione del Quadro RW , basate su criteri selettivi e su dati pervenuti successivamente anche da altri Paesi.

Interventi di efficienza energetica e rischio sismico

Con il Provvedimento 31.7.2019 l’Agenzia delle Entrate ha provveduto a chiarire i termini di opzione per la richiesta di un contributo , sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato interventi di efficienza energetica e di adozione di misure antisismiche . Inoltre ha chiarito le modalità di esercizio dell’opzione di cessione del credito ai fornitori, ovvero ad altri soggetti privati, che hanno effettuato interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico o all’impiego di fonti rinnovabili di energia.

COMMENTI

Isa applicabili al 2018: le Entrate rispondono

L’Agenzia delle Entrate fornisce, con la C.M. 9.9.2019, n. 20/E , ulteriori chiarimenti attraverso la ricognizione e raccolta sistematica delle risposte fornite in merito ad alcuni quesiti delle associazioni di categoria e degli ordini professionali formulati in occasione di incontri e convegni in materia di Indici sintetici di affidabilità (Isa) . Tra i temi affrontati: l’utilizzo degli Isa ai fini delle attività di analisi del rischio e selezione, le cause di esclusione, le segnalazioni relative agli indicatori e al funzionamento del software con riferimento ai risultati derivanti dall'elaborazione del software «Il tuo Isa», il coefficiente individuale con riferimento alle dinamiche di funzionamento, la compilazione dei modelli, i dati delle precompilate, il regime premiale con un approfondimento sui benefici premiali previsti dalla normativa Isa, la proroga dei versamenti al 30 settembre , ulteriori componenti positivi in riferimento agli effetti della indicazione di altri componenti positivi per migliorare il profilo di affidabilità.

Immobili nel reddito di lavoro autonomo

In attesa che la disciplina del trattamento fiscale degli immobili , nel reddito di lavoro autonomo , contenuta nell’art. 54 del D.P.R. 22.12.1986, n. 917, possa essere rivista dal Legislatore, e dopo due precedenti documenti risalenti al 2008 e al 2010, la Fondazione nazionale dei commercialisti, congiuntamente al Cndcec, si è nuovamente soffermata sul tema con un documento di ricerca pubblicato il 25.7.2019 su « Gli immobili nel reddito di lavoro autonomo ». Attualmente manca ancora un coordinamento sistematico della disciplina in materia di determinazione del reddito di lavoro autonomo. E si assiste, peraltro, alla mancata deduzione della spesa professionale solo in funzione di come sia stato acquistato lo studio professionale. Con il leasing , la deduzione è possibile, mentre con l’ acquisto immediato della proprietà no (in particolare, per gli immobili acquistati o costruiti a partire dal 1.1.2010).

IVA

Esportatore abituale in sospensione Iva

La neutralità dell'imposizione armonizzata sul valore aggiunto comporta che, pur in mancanza di dichiarazione annuale per il periodo di maturazione, l' eccedenza d'imposta , che risulti da dichiarazioni periodiche e regolari versamenti per un anno e sia dedotta entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto è sorto, va riconosciuta dal giudice tributario se il contribuente ha rispettato tutti i requisiti sostanziali per la detrazione . Da ciò deriva che il contribuente, che ha dimostrato la sussistenza dei requisiti sostanziali per ottenere lo status di esportatore abituale , ha diritto all'applicazione del regime della sospensione d'imposta di cui all'art. 8, co. 1, lett. c), D.P.R.  633/1972 nei limiti del plafond maturato con riferimento all'anno precedente, anche se ha omesso la dichiarazione Iva relativa a detto anno. È quanto è stato deciso dalla Corte di Cassazione con l’Ordinanza n. 14190/2019 .

Finanziamenti per progetti di ricerca

Il MIUR ha emanato l'avviso per acquisire e selezionare progetti di ricerca di particolare rilevanza strategica , coerenti con il vigente Programma Nazionale per la Ricerca (PNR) 2015/2020, rivolgendo a tal fine specifico invito agli attori pubblici del sistema nazionale della ricerca. A disposizione dell'avviso oltre 27,8 milioni di euro, a valere sul Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca (FISR). Le proposte progettuali dovranno indicare con chiarezza gli ambiti tematici del PNR 2015/2020 cui intendono far riferimento, le competenze umane coinvolte, i risultati di ricerca originali e innovativi che si intendono conseguire, gli obiettivi e le attività di ricerca finalizzate al raggiungimento degli stessi.

loader