RUBRICHE

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Modello 730/2020

Con l’approvazione definitiva del Modello 730/2020 ( provvedimento agenzia delle Entrate prot. n. 8945 del 15 gennaio 2020 ) inizia a prendere corpo la stagione della prossima dichiarazione dei redditi. Diverse anche quest’anno sono le novità contenute nel Modello tra le quali si segnala che sono state integrate le istruzioni contenute nel frontespizio per gestire la novità relativa all’estensione dell’utilizzo del 730   agli eredi delle persone decedute nel 2019 o entro il 23 luglio 2020. Inoltre da quest’anno per i figli di età non superiore a 24 anni il limite di reddito complessivo per essere considerati a carico è elevato a 4mila euro , quindi, sono state aggiornate le istruzioni del paragrafo relativo ai familiari a carico. Per facilitare la determinazione delle spese per previdenza complementare che possono essere detratte dai genitori perché non hanno trovato capienza nel reddito del figlio a carico , questi nella propria dichiarazione compilerà la casella «Soggetto fiscalmente a carico di altri» presente nel frontespizio del Modello 730, con appositi codici e non più mediante barratura.

Registrazione di marchi Ue e internazionali

Sulla rampa di lancio l'accesso ai 3,5 milioni di euro per favorire la registrazione di marchi comunitari e internazionali . Due le linee di intervento: misura A - agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione europea presso Euipo (ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici; misura B - agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso Ompi (organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici. È con il Decreto Direttoriale del 26 novembre 2019 che il Ministero dello Sviluppo economico ha incrementato la dote finanziaria iniziale del bando Marchi+3 . Dal 30 marzo le imprese potranno richiedere nuovamente gli incentivi per la registrazione di marchi comunitari ed internazionali che si erano chiusi a marzo 2019. Sono ammesse al bando Marchi+3 le imprese . I liberi professionisti non rientrano tra i soggetti beneficiari delle agevolazioni.

COMMENTI

Estromissione degli immobili dell'impresa individuale

Con l’ articolo 1, comma 690, della legge 160/2019 viene riproposta la possibilità, per gli imprenditori individuali, di « privatizzare » gli immobili strumentali posseduti al 31 ottobre 2019. L’operazione va perfezionata entro il 31 maggio 2020, ma ha effetti sin dall’inizio dell’anno, con conseguente necessità di correggere, a posteriori, le operazioni effettuate nel frattempo. È dovuta una modesta imposta sostitutiva, la cui prima rata va versata entro il 30 novembre 2020 . Nessun beneficio opera ai fini Iva.

IVA

Rettifica della detrazione Iva

La rettifica della detrazione costituisce un elemento essenziale del sistema Iva in quanto garantisce l’esattezza delle detrazioni d’imposta operate e, conseguentemente, la neutralità dell’imposizione fiscale . Quando, infatti, la detrazione operata è superiore o inferiore a quella a cui il soggetto passivo ha diritto o quando, successivamente alla dichiarazione, mutano gli elementi inizialmente presi in considerazione per determinare l’importo della stessa, è previsto che la detrazione dell’imposta venga adeguata all’effettiva e mutata utilizzazione dei beni e dei servizi. Tra l’altro, il diritto alla detrazione dell’Iva viene esercitato dal soggetto passivo immediatamente e integralmente all'atto dell'acquisto, senza aspettare, cioè, che i beni e/o servizi acquistati vengano effettivamente utilizzati. Pertanto, poiché la detrazione può basarsi su una «valutazione prospettica», la rettifica della detrazione consente di adeguare la detrazione all'utilizzazione effettiva dei beni e dei servizi.

IVA

Contributi per il trasporto pubblico locale

La risposta ad interpello n. 490 del 20 novembre 2019 dell’agenzia delle Entrate affronta il tema del trattamento fiscale dei contributi pubblici nei vari risvolti delle imposte sui redditi e Iva. La disamina riguarda la distinzione fra corrispettività o meno della percezione ai fini Iva, della detrazione dell’Iva sugli acquisti ed il trattamento agli effetti dell’applicabilità o meno della ritenuta alla fonte del 4%. L’analisi prende spunto dalla normativa comunitaria in materia di Iva e definisce il comportamento applicabile in ragione dei presupposti stabiliti a livello unionale da cui discende anche il comportamento a livello di imposizione diretta.

Indagini finanziarie su conti correnti di terzi

Dopo aver legittimato l’estensione delle indagini finanziarie nei confronti di terzi rispetto al contribuente accertato, ovvero nei riguardi di congiunti, genitori e altri familiari, nonché di legali rappresentanti, soci e procuratori per quanto riguarda le società anche di capitali, la Cassazione è giunta, con l’ ordinanza n. 30381 del 21 novembre 2019 , ad affermare la validità di un accertamento bancario a carico di una coop , basato sulle indagini finanziarie esperite sui conti correnti dei soci .

loader