RUBRICHE

L'ADEMPIMENTO DELLA SETTIMANA

Nuovo Modello Iva TR

Con il Provv. 20.3.2015 è stato approvato, con le relative istruzioni, il nuovo Mod . Iva TR (« La Settimana fiscale » n° 14/2015, pag. 9), utilizzabile a partire dal credito maturato nel primo trimestre 2015 per la richiesta di rimborso o per l’utilizzo in compensazione orizzontale del credito Iva dei primi tre trimestri dell’anno. Il nuovo modello , che sostituisce quello approvato con il Provv. 26.3.2014, è stato approvato per adeguarne la struttura ed il contenuto alle novità introdotte nella disciplina Iva dalla Legge di Stabilità per il 2015 (L. 190/2014), in particolare quelle previste per i soggetti tenuti all’applicazione del regime di scissione dei pagamenti di cui all’art. 17-ter, D.P.R. 633/1972 [CFF217b] , lo split payment , per le cessioni di beni e le prestazioni servizi effettuate nei confronti di enti pubblici, e quelle connesse all’ estensione dell’applicazione del meccanismo del reverse charge anche alle prestazioni di servizi di pulizia , di demolizione , di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici ed ai casi di inversione contabile per il settore energetico .

«Voluntary disclosure»: istanza e sanzioni

La C.M. 13.3.2015, n. 10/E fornisce importanti indicazioni in merito alla modalità di adesione alla procedura di collaborazione volontaria e agli effetti sanzionatori. La procedura si dimostra complessa ed onerosa, anche perché viene confermata l’applicabilità delle disposizioni relative al raddoppio dei termini; un importante effetto premiale, che va attentamente considerato, riguarda l’ambito penale, in quanto l’adesione alla procedura spontanea consente di fruire di importanti effetti premiali in relazione ai reati tributari.

COMMENTI

Attività connesse all'agricoltura

L'art. 2135 c.c. contempla anche le attività agricole dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano per oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall' allevamento . Ne deriva che l' acquisto presso terz i e la successiva vendita di prodotti compresi nella Tabella A, allegata al D.P.R. 633/1972, possono generare un' operazione agricola e quindi una cessione rientrante nel co. 1 dell'art. 34, D.P.R. 633/1972 [CFF234] . Ai fini delle imposte sui redditi il D.M. 13.2.2015 ha individuato i beni che possono essere oggetto delle attività agricole connesse che rientrano nell'ambito di applicazione dell'art. 32, co. 2, lett. c), D.P.R. 917/1986 [CFF5132] , per le quali la determinazione del reddito avviene su base catastale , rientrando nel reddito agrario . La C.M. 15.11.2004, n. 44 ha precisato che se riguarda beni indicati nella Tabella A, Parte Prima, comporta l'applicazione del regime speciale di detrazione ai sensi del citato art. 34, D.P.R. 633/1972.

Intercettazioni telefoniche assunte in sede penale

Le intercettazioni telefoniche – apprensione occulta, in tempo reale, del contenuto di una conversazione o di una comunicazione in corso tra due o più persone da parte di altri soggetti, estranei al colloquio – rientrano ormai a pieno titolo tra i cd. mezzi di prova . Attraverso le ultime pronunce della Corte di Cassazione, in questo nostro intervento affrontiamo la problematica relativa al valore delle cd. intercettazioni telefoniche acquisite nel procedimento penale , che di fatto confermano il loro legittimo utilizzo, da parte dell’Amministrazione finanziaria nell’esercizio della potestà impositiva , partendo dal dettato normativo di riferimento, ex artt. 33, co. 3, D.P.R. 600/1973 [CFF6333] e 63, co. 1, D.P.R. 633/1972 [CFF263] .

Artigiani e commercianti: contribuzione 2015

Le aliquote contributive di artigiani e commercianti , per l’anno 2015 , sono pari al 22,65 % e 22,74 %. Si ricorda che l’ art. 24, co. 22, D.L. 6.12.2011, n. 201 , ha disposto, dall’1.1.2012, un aumento graduale della contribuzione che arriverà fino al 24 % nel 2018 . Anche per il 2015 valgono le agevolazioni previste dall’ art. 59, co. 15, L. 27.12.1997, n. 449 , in base alla quale i lavoratori autonomi già pensionati presso le gestioni dell’Inps e con più di 65 anni di età possono richiedere che il contributo dovuto alla gestione di appartenenza, sia sul minimale di reddito sia sulla quota eccedente, venga ridotto della metà, e dall’ art. 1, co. 2, L. 2.8.1990, n. 233 , per i coadiuvanti ed i coadiutori di età inferiore a 21 anni. Per gli iscritti alla gestione commercianti è, inoltre, dovuto il contributo pari allo 0,09 % a titolo di contribuzione aggiuntiva per il finanziamento dell’ indennizzo per la cessazione definitiva dell’ attività commerciale , adempimento prorogato fino al 31.12.2018 dall’ art. 1, co. 490, L. 27.12.2013, n. 147 . Rimane poi confermato il contributo di € 0,62 mensili a titolo di prestazioni di maternità , previsto dall’art. 49, co. 1, L. 23.12.1999, n. 488.

Elenco di tutti gli argomenti

loader