RUBRICHE

GLI ADEMPIMENTI DELLA SETTIMANA

IVA

Acconto Iva 2020, modalità e termini di versamento

Il decreto Ristori-quater ha previsto il rinvio di alcuni termini di versamento in scadenza nel mese di dicembre 2020, ivi compreso il versamento dell'acconto Iva, per i soggetti che esercitano attività d'impresa, arte o professione e che si trovano in determinate condizioni soggettive e oggettive. Pertanto accanto al termine di versamento ordinario dell'acconto del 28 dicembre 2020 (essendo il 27 giorno festivo), i contribuenti interessati dal decreto possono invocare la proroga del versamento al 16 marzo 2021 (in un'unica soluzione oppure versando, entro tale data, la prima di quattro rate mensili).

IVA

Fatturazione elettronica, il vademecum delle Entrate

Con il documento «Guida alla compilazione delle fatture elettroniche e dell'esterometro» del 23 novembre 2020, pubblicato sul proprio sito web, l'agenzia delle Entrate fornisce la prima versione delle istruzioni operative da applicare per utilizzare il nuovo tracciato delle fatture elettroniche (versione 1.6.1 di cui al provvedimento agenzia delle Entrate 20 aprile 2020, n. 166579, aggiornato a novembre con la versione 1.6.2).

COMMENTI

Cartelle a rate, aumenta la soglia del debito per l'istanza semplice

Il decreto Ristori quater ha introdotto una serie di novità in materia di rateizzazione dei carichi dell'agente della riscossione. Si tratta, per lo più, di modifiche con durata limitata nel tempo, tranne quella relativa alla disciplina a regime della dilazione contenuta nell'articolo 19, Dpr 602/1973. Inoltre, viene ulteriormente differito al 1° marzo 2021 il termine del 10 dicembre 2020 relativo alla proroga delle scadenze 2020 di tutte le rate delle rottamazioni disciplinate dal Dl 119/2018.

Prestiti della società all'organo gestionale, condizioni e rischi

L'assemblea dei soci può deliberare l'erogazione di un prestito all'organo di gestione unicamente nel rispetto dei vincoli statutari ed attestando le condizioni che esulano dalla distrazione di fondi per società in eventuale stato di dissesto. L’amministratore risponde dei danni derivati alla società per eventuali scelte assunte in assenza di autorizzazione da parte dei soci che determinano un pregiudizio alla società medesima. In alcuni casi anche i soci sono solidalmente responsabili con gli amministratori nei confronti di eventuali danni ai terzi.

loader