RUBRICHE

GLI ADEMPIMENTI DELLA SETTIMANA

Cartelle e rate scadute, solo brevi proroghe

Il Decreto fiscale collegato alla Manovra 2022 è intervenuto in materia di riscossione, prevedendo delle brevi proroghe per quanto riguarda i termini di pagamento delle cartelle, delle rate scadute delle definizioni agevolate e delle rate in favore dei soggetti decaduti dalla rateazione. Inoltre ha aumentato il numero di rate impagate che determinano la decadenza dal beneficio della rateazione. Il tutto in attesa di eventuali disposizioni di più ampio respiro che dovrebbe prevedere al Manovra di fine anno.

Spid dal 1° ottobre per i servizi on line della PA

Dal 1° ottobre 2021 i privati cittadini, al fine di accedere ai vari servizi on line di tutte le Pubbliche amministrazioni, devono utilizzare SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Diversamente imprese e professionisti possono continuare ad usare le vecchie credenziali (Entratel, Fisconline e Sister per l'agenzia delle Entrate e l'agenzia del Territorio) per l'accesso alle aree riservate di agenzie fiscali e Inps.

COMMENTI

Patent box, debutta la super deduzione dei costi R&S

Il Governo ha sostituito il patent box (cd. "vecchio regime"), che detassa il 50% del reddito ascrivibile all'utilizzo di specifici intangibili (moltiplicato per il nexus ratio), con una maggiorazione del 90% nella deduzione dei costi di ricerca e sviluppo sostenuti per la creazione e lo sviluppo sia degli intangibili agevolabili dal vecchio regime sia dei marchi d'impresa. Qui si inserisce l'articolo 6 – Semplificazione della disciplina del patent box - del decreto legge fiscale collegato alla Manovra 2022 che introduce un'agevolazione semplificata che consente, a certe condizioni, tale maggiorazione.

Ritenuta inapplicabile per gli aiuti Covid

Nel corso dell'anno 2021 l'agenzia delle Entrate si è espressa con svariate risposte ad istanze d'interpello dei contribuenti (fra le ultime la 586 e la 588), sull'applicabilità della ritenuta alla fonte del 4% con particolare riferimento al caso dei sostegni erogati dalle Amministrazioni locali. L'agevolazione fiscale deve essere prevista dalla norma e occorre valutare caso per caso evitando per teorica analogia l'applicazione dell'agevolazione non spettante. Cambio di rotta interpretativo rispetto ad alcune indicazioni del passato con conferma dell'irrilevanza ai fini fiscali e dell'inapplicabilità della ritenuta alla fonte se i contributi sono finalizzati a contrastare l'emergenza Covid-19 e sono nuovi rispetto a quelli erogati prima della pandemia (interpello 629/2021).

L'omessa dichiarazione Iva non preclude la detrazione

La Cassazione, con l'0rdinanza 8 luglio 2021, n. 19403, ha chiarito che l'omessa presentazione della dichiarazione Iva non fa perdere il diritto alla detrazione del credito maturato nel corso del medesimo anno, nell'ipotesi in cui lo stesso credito venga ripreso ed indicato nella dichiarazione Iva dell'anno successivo. Infatti, in aderenza a consolidata giurisprudenza della Corte di Giustizia, il principio di neutralità fiscale impone che l'inosservanza da parte di un soggetto passivo delle formalità imposte da uno Stato membro, quale ad esempio la presentazione della dichiarazione annuale Iva, non può privarlo del suo diritto alla detrazione.

Superbonus 110% e General Contractor

Una delle questioni che, nell'ambito di applicazione del Superbonus 110%, ha originato una particolare attenzione è la figura del General Contractor (GC) in relazione alla quale permangono, tuttora, nella pratica operativa diversi profili critici: sul tema l'agenzia delle Entrate si è espressa in alcuni arresti che non hanno, però, dissipato tutti i dubbi. L'eterogeneità delle modalità operative tramite le quali il GC agisce, infatti, impattano su aspetti importanti del Superbonus 110% quali, tra gli altri, l'applicabilità del beneficio fiscale al compenso del GC e dell'aliquota Iva del 10%.

Bonus Industria 4.0 anche per le Stp con reddito d'impresa

Nella risposta a interpello n. 600 del 16 settembre 2021 l’agenzia delle Entrate ha precisato che le società tra professionisti (STP) possono fruire del credito d’imposta per l’acquisto di beni materiali ed immateriali «Industria 4.0» in quanto trattasi di soggetti che operano con i modelli societari previsti dal Codice Civile per l’esercizio di attività commerciale. Non assume rilievo la circostanza che le STP svolgano esclusivamente attività professionale, poiché l’aspetto rilevante è la forma giuridica adottata.

loader